Stranger

 

“No, non posso crederti. Sono sicuro che ti è avvenuto di desiderare un’altra vita”. Gli ho risposto che naturalmente mi era avvenuto, ma ciò non aveva maggiore importanza che il desiderare di essere ricco, di nuotare molto veloce o di avere una bocca meglio fatta. Erano desideri dello stesso ordine. Ma lui mi ha interrotto e voleva sapere come vedevo quest’altra vita. Allora gli ho urlato: “Una vita in cui possa ricordarmi di questa”